Wishing for a wrong number

In attesa di un numero sbagliato

INGLESE

ITALIANO
Call me, anonymous drunkard, tell me
that you are God and can create in  seven
hours a much better world. And call me, sell me
anything,  everything, even
the rusty wheels of the sun, whoever you are -
merchant  or minister, harlot or child,
but let the sound of a human voice compel me
to think of what it would be,
when one's about to galp a fatal potion,
to be reminded suddenly of life going on
for man and mountain and tree
for valley and wing and ocean
for all except me.

Yes, I have heard of flights from dawn to sunset,
of Europe meeting  Asia in an hour,
of man and moon becoming
closer and closer, as close as  a stem to a flower.
Why should it be so hard, then,
for man to remember  man,
for you to let me hear the sound of your voice?

Call me, whoever you are, and tell me
whatever you please. Speak even
of wind and heaven to
a wounded eagle in the grass, of bread and fire
to a famished beggar in the snow.
Be cruel and be rude
but talk to  me and let me know
that I am not alone
in this my human solitude.

Chiamami, anonimo ubriaco, dimmi
che sei Dio ed in solo sette ore
puoi  creare un mondo migliore. Chiamami,
vendimi tutto, finanche le  ruote
rugginose del sole, chiunque tu sia -
mercante o ministro, meretrice  o monello -
ma fa' che una voce umana mi faccia
pensare a quel che   avverrebbe
se a chi stesse per trangugiare una tazza fatale
all'improvviso  arrivasse un suono di vita,
della vita che continua
per uomo e monte ed  albero
per valle ed ala e mare,
per tutti tranne me.

Sì, m'han parlato di voli dall'alba al tramonto,
d'Europa che in un'ora  entra nell'Asia,
d'uomo e di luna sempre più vicini,
tanto vicini quanto  uno stelo è al suo fiore.
Perché, dunque, è poi tanto difficile
farmi  sentir la tua voce,
voce d'uomo ad altr'uomo?

Chiamami, chiunque tu sia, e dimmi
quel che ti pare. Parla
di vento e  cielo ad aquila
ferita nell'erba, di pane e fuoco
a mendico affamato nella  neve.
Sii rude, sii crudele, ma parlami e fammi sapere
che io non sono  solo
in questa mia solitudine d'uomo.

Traduzione di Maria C. Pastore Passaro, pubblicata in Gente mia e altre  poesie, pref. di Ennio Bonea, trad. a c. di Maria C. Pastore Passaro, San  Marco in Lamis, Gruppo Cittadella Est, 1982

Additional information