In vehiculo subviario

Nella metropolitana

LATINO

ITALIANO

In vehiculo subviario

 

Omni die, omni mense,

Statione Fordhamense,

Cum per nubes sicut rima

Lux insinuatur prima,

Sine pace, sine pausa,

Laborandi semper causa,

Mihi mobile est cubiculum

Subviarium vehiculum.

Tamquam miserae sardinae

Stant personae matutinae

Semper notae sed ignotae,

Mixtae maestae mutae motae,

Oscitantes ter et quater

Mater, filius, filia, pater

Atque avunculus et frater.

Unda profunda profunda profunda

Unda profunda profunda profunda.

Alter dormit, alter legit,

Alter nudum pectus tegit,

Oculosque alter fricat

Quamquam nihil nemo dicat.

Unda profunda profunda profunda

Unda profunda profunda profunda.

Vultus omnes ego rogito

In silentio et excogito:

«Quis ex istis hic non erit

Cras viator? Quidque gerit

Ista nova dies genti?

Nos lacessunt vitae venti.»

Unda profunda profunda

Unda profunda profunda.

Si vis vivere et esse

Laborare nunc necesse.

Laborare laborare:

Quare quare quare quare?

Quid est ista vita brevis

Volans sicut umbra levis?

Quid est dolor, quid est amor,

Quid diurnus iste clamor?

Quid sum ego, quid sunt isti

Viatores?  Mente tristi

Ego vehor, vehor ego,

Ac necessitatem nego

Usque ad mortem laborandi.

Sed hi strepitus nefandi

Cessant: strident omnes portae.

Pellens, agens et irrumpens,

Paene vixdum et procumbens,

Multitudinem non piam

Linquo et exeo in viam.

Ibi labor, vitae cursus,

tenet me et tenet rursus.

1974 (Da Carmina latina)

 

Nella metropolitana

 

Ogni giorno, ogni mese,

nella stazione Fordhamese,

quando si insinua la prima luce

fra le nuvole squarciate,

senza pace, senza pausa,

- il lavoro ne è la causa -

per me è una mobile casetta

il metrò che giù mi aspetta.

Come misere sardine

stan persone mattutine,

sempre note e sconosciute,

miste, meste, mosse, mute,

sbadiglianti molte volte,

madre, figlio, figlia, padre,

e lo zio ed il fratello.

È onda profonda profonda profonda

E onda profonda profonda profonda.

Uno dorme, l’altro legge,

l’altro il nudo petto protegge,

uno si stropiccia gli occhi

ma nessuno dice niente.

È onda profonda profonda profonda

E onda profonda profonda profonda.

Ogni volto io interrogo

in silenzio e intanto penso:

«Chi doman non ci sarà?

e che cosa porterà

il dì nuovo a queste genti?

Della vita ci chiamano i venti».

È onda profonda profonda

E onda profonda profonda.

Se vuoi vivere ed esistere,

su, lavora, non desistere,

lavorare tocca a te,

ma perché, perché, perché?

Cos'è questa vita breve

Che va via come ombra lieve?

Cos'è il dolore? e l'amore?

e il clamore di ogni giorno?

che son io? cosa son questi

viaggiatori? Tristemente

son portato, trasportato:

la necessità io nego

di faticar fino alla morte.

Ma lo strepito assai forte

cessa: stridono le porte.

Tra spintoni e urti uscendo,

e per più quasi cadendo,

la moltitudine non pia

lascio ed esco sulla via.

Qui il lavoro quotidiano

mi prende la mano.

(Trad. E. Bandiera)

Additional information