Quistu vine iè trascente

Questo vino è abbocchevole

DIALETTO GARGANICO

ITALIANO

Quistu vine iè trascente

ma ne tegne 'nu bucchere:

se llu veve, che piacere!

se llu forne, che delore!

E cuscì te guarde e spije,

terra bella, terra mia,

culla seta inte lu core.

Te vulesse veve tutta

sine all'ùtema stezzodda,

ma te tegne perlebbata

pè quedd'ora desperata

quanne, sule inte la fodda,

i' ha vulé 'nu 'mmucche duce

p'affruntà l'amara luce.

1978 (Da Tìreca tàreca)

Questo vino è abbocchevole

ma ne ho un solo bicchiere:

se lo bevo, che piacere!

se lo finisco, che dolore!

E così ti guardo e osservo,

terra bella, terra mia,

con la sete dentro il cuore.

Ti vorrei bere tutta

fino all'ultima goccia,

ma ti conservo prelibata

per quell'ora disperata

quando, solo tra la folla,

desidererò un sorso dolce

per affrontare l'amara luce.

(Trad. A. Motta, T. Nardella, C. Siani)

Additional information