Alla chiazzetta

Al mercato - Poesie in dialetto garganico

DIALETTO GARGANICO

ITALIANO

Alla chiazzetta cummare Rusina

venneva peraspine;

ièvene gghianche e rosce e 'nzuccarate

li pera inte lu ciste sduvvacate,

ma i' spiave sule a queddi uance

che vulevene uasce a pizzechidde,

e l'eie ditte sope la velancia:

«Pèseli tutte quante senza sfridde».

Meravigghiosa e bella m'ha spiate

e m'ha resposte cummare Rusina:

«So cinche chile e mmeze tutte quante

e vènne mille lire».

So gghiute 'nfallemente dda matina;

ma sule pe vedé li uance belle

de cummare Rusina

i' me vennesse tutte Casarenelle

e pure la Prucina.

1955 (Da Làcreme e sciure, 1955)

Al mercato comare Rosina

vendeva peraspine;

erano bianche e rosse e inzuccherate

le pere nel cesto svuotato,

ma io guardavo solo quelle guance

che volevano baci e pizzichi,

e le ho detto sopra la bilancia:

«Pesale tutte quante senza la tara».

Meravigliosa e bella mi ha guardato

e mi ha risposto comare Rosina:

«Sono cinque chili e mezzo tutte quante

e costano mille lire».

Sono andato in fallimento quella mattina,

ma solo per vedere le guance belle

di comare Rosina,

io mi venderei tutta Casarinelli

e anche Apricena.

(Trad. A. Motta)

Additional information