Lu trene 'la Garganeca

Il trenino della Garganica

DIALETTO GARGANICO

ITALIANO

Lu trene 'la Garganeca

 

Lu Gargane iè cagnate: te faceva 'mpressione

cu 'ddi prete arruventate, cu 'ddu povere cafone

che parteva la matina cullu ciucce e la vesaccia

e la desperazione scritta 'n core e scritta 'mpacce.

 

Mo so ville a non funì, case bbelle a cchiù non pozze,

mo nisciune vò sentì parlà cchiù de stozze e crozze,

mo chi manche te credive iè nu Petre Baialarde

che li scarpe verneceia cullu burre e cullu larde.

 

Pe llu cannarozze stritte (dice 'nu proverbie antiche)

ce furnisce casa e titte; ma, uagliò, i' mo te diche

che lu Vecchie de Vedone nollu crede cchiù nisciune:

ioie sbàfene, cuntente, debbutate e lazzarune.

 

Lu Gargane iè cagnate: non ce sta lu trajenere

che tuccava, 'nzunnacchiate, Sante Marche e San Zevere,

e la luna li faceva la cchiù bella cumpagnia

cullu cacciunedde appresse, ch'abbaiava a meza via.

 

Iè cagnate lu Gargane: mo ce vedene parole

germanese e 'merecane tra la menta e li vïole;

mo te pare de passà pellu Munne dilli Ricche

('ntrallazzeia pure tu, tricche-tracche e tracche-tricche).

 

Ma lu trene 'lu Gargane non ce crede a questa storia:

iè rumaste talecquale cu sciaiateca e ciamoria.

Tosce e aiiesce, aiiesce e tosce pe' sderrupe e fratte e frane

(te fa chiagne, lu vulisse vuttà propria culli mane).

 

Quanne pare che ci affonna e sta all'ùtema avunia,

Sant'Antonie fa la grazia culla Vergine Maria:

tosce e aiiesce, aiiesce e tosce, ma alla fine àdda scurcià

(chi tè legna va 'n Zardegna) questa nostra civiltà.

 

I' lu sacce lu rumanze de 'dda scèttema de pena:

quissu trene che va 'nnanze, preta preta e rena rena,

culla voce 'gnettecuta parla come Don Vincenze,

e te mette, se l'ha perse, uagliuncé, tutte li senze:

 

«I' rumane talecquale; ve recorde a tutte quante

che, fenute Carnuvale, vè la Settemana Santa;

che ce sta lu capadàvete e ce sta lu capabbasce,

e pe' fforza ci ànna sta' li giaiante culli vasce.

 

Non credite che la vita non è cchiù come 'na rota:

site vuva che non zite quella gente de 'na vota,

quedda gente che magnava pummedore, pane e iogghie,

e cuntenta ci addurmeva cu 'nnu sonne a ciavalogghie.

 

I' rumane talecquale, e v'augurie pure a vuva

che, se cra lu cumpanaie vè a mancà, cu carne e iuva,

ve putite n'ata vota, come mme, arrampecà

pe sciuppà sope sti prete sule pane e carità»

1978 (Da Tìreca tàreca)

Il trenino della [ferrovia] garganica.

 

Il Gargano è cambiato: ti faceva impressione

con le pietre arroventate, con il povero cafone

che partiva di mattina con l'asino e la bisaccia

e la disperazione scritta nel cuore e sulla faccia

 

Ora sono ville a non finire, case belle quanto mai,

ora nessuno vuole sentire parlare più di tozzi e sporcizia,

ora chi nemmeno ti credi è un Pietro Abelardo

che le scarpe lustra col burro e con il lardo.

 

La gola stretta (dice un proverbio antico)

ingoia casa e tetto; ma, ragazzo, or io ti dico

che al vecchio Guidone più non crede ormai nessuno:

oggi sbafano, contenti, deputati e lazzaroni.

 

Il Gargano è cambiato: non c'è più il carrettiere

che viaggiava, insonnolito, tra San Marco e San Severo,

e la luna gli faceva la più bella compagnia

col cagnolino appresso, che abbaiava in mezzo alla via.

 

E' cambiato il Gargano: ora si sentono parole

tedesche e americane tra la menta e le viole;

ora ti sembra di passare per il mondo dei ricchi

(intrallazza pure tu, tricche-tracche e tracche-tricche).

 

Ma il treno del Gargano non crede a questa storia:

è rimasto tale e quale con sciatica e raffreddore.

Tossisce ed esce, esce e tossisce per dirupi, fratte e frane

(ti fa piangere, lo vorresti spingere con le mani).

 

Quando sembra che sprofondi e sia all'ultima agonia,

Sant'Antonio fa la grazia con la Vergine Maria:

tossisce ed esce, esce e tossisce, ma alla fine la spunterà

(chi ha scilinguagnolo va dappertutto) su questa nostra civiltà.

 

Io conosco il romanzo di questo affanno di pena:

questo treno che va avanti, tra murge e spiagge

con voce tisicuccia parla come Don Vincenzo,

e ti ridà, se lo hai perso, ragazzino, tutto il senno:

 

«Io resto tale e quale; vi ricordo a tutti quanti

che, finito carnevale, viene la settimana santa;

c'è la salita e c'è la discesa,

e per forza devono esserci i giganti con i nani.

 

Non crediate che la vita non è più come una ruota:

siete voi che non siete più come quelli di una volta,

quella gente che mangiava, pomodoro, pane e olio,

e contenta si addormentava a cavalcioni di un sogno.

 

Io resto tale e quale, e auguro pure a voi

che, se domani il companatico viene a mancare, con carne e uva,
possiate un'altra volta, come me, arrampicarvi

per strappare sopra queste pietre solo pane e carità».


(Trad. A. Motta, T. Nardella, C. Siani)

Additional information