Noè a Manhattan

Poesie in dialetto garganico 1999 (Lu deddù, II, 48-52)

ITALIANO

DIALETTO GARGANICO

La signorina, in quel bel mentre,

mette una cosa in bocca e poi l’accende.

Forte la voce di Noè si sente:

«Tra i denti s’è messa una miccia

ed ora brucia come fuoco ardente.

Questa povera ragazza riccioluta

venite a salvare! O Padreterno,

spegnilo tu questo brutto brutto inferno!»


Dice la bella ragazza: «Che, sei scemo?

Io fumo il tabacco mio nostrano,

che ti calma i nervi ed i dolori

e poi ti senti un’altra volta sano.

Dico la verità e non bestemmio:

questa sigaretta tiene i guai lontani.

Assaggia pure tu: con una fumata

tutta la vita tua è liberata.»

 

Noè si convince. Anche lui

si mette in bocca quella cosa nuova,

e tira e tira, folto e spesso spesso:

si sente rinascere con quella prova

di fumo e di profumo immesso ed emesso.

«Questo tabacco tuo quanto mi giova,»

dice il patriarca ubriacato.

«Più tiro e più mi sento ricreato.»

 

Alla ragazza che lo crede pazzo,

dice Noè: «O ragazza mia,

io molte cose non le so,

ma so che questo fumo mi solleva.

Senza vergogna te lo dico in faccia:

questa è la terra dove l’arca mia

dovrebbe sbarcare, in nome di quel Dio

che il diluvio ha voluto così.»

Per Manhattan passeggia Noè,

per Manhattan si sente signore,

per Manhattan è principe e re,

per Manhattan gli ride il cuore,

per Manhattan - uno due e tre -

per Manhattan si colma d’amore,

per Manhattan - che è che non è ? -

per Manhattan si sfoga Noè.

(Trad. A. Siani)

La signurina, a stu bbelle mumente,

mette na cosa ‘mmocca e cce l’appiccia.

Forte la voce de Nuvè ce sente:

«Inte li dénte ce ha mmise na mmiccia

e mmo ce ‘mboca come foche ardente.

Sta povera uagliola capericcia

menite a ssalevà! O Patreterne,

stùtelu tu stu brutte brutte ‘mberne»


Dice la bellaggiona: «Che, ssi’ sceme?

Ji fume lu tabbacche mia nustrane,

che tte calma li néreve e lli rème

e ppo’ te sinte n’ata vota sane.

Diche la veretà e nno jasteme:

sta secaretta tè li uuà luntane.

Assaggia pure tu: cu nna fumata

tutta la vita tova è libberata.»

 

Nuvè ce fa capace. Pure jisse

ce mette ‘mmocca quedda cosa nova,

e ttira tira, fute e spisse spisse:

ce sente n’atettante cu dda prova

de fume e dde prufume misse e smisse.

“Quistu tabbacche toa quante me ggiova,”

dice lu patriarca ‘mbrijacate.

«Chiù ttire e cchiù me sente recrijate.»

 

Alla uagliola che llu crede pacce,

dice Nuvè: «O bellaggiona mia,

ji’ nu mare de cose nolli sacce,

ma sacce che stu fume me recrìa.

Senza bbrevogna te lu diche ‘mbacce:

questa è la terra dova l’arca mia

avesse sbarcà, ‘nnome de ddu Ddì

che lu deddù ha vvelute accuscì.»

Inte Manatta passeja Nuvè,

inte Manatta ce sente signore,

inte Manatta jè pprìncepe e rre,

inte Manatta li rire lu core,

inte Manatta - june duva e ttre -

inte Manatta ce ajjenchie d’amore,

inte Manatta - ched’è che non è ? -

inte Manatta ce sfoca Nuvè.

[...]

Additional information