Bibliografia su J. Tusiani

Opere di Joseph Tusiani

POESIA ITALIANA Amedeo di Savoia. Poemetto in isciolti, pref. di C. Soccio, Sant’Agata di Puglia, Tip. Casa del Sacro Cuore, 1943 [N.B. + copia digitale a c. di E. Bandiera]; Flora o primi fiori di poesia, s. l. (ma New York), s. e. (ma Prompt Press), s.d. (ma 1946); Amore e morte o sogni delle quattro stagioni. Liriche, San Marco in Lamis, Tip. G. Caputo, 1946;Petali sull’onda. Poesie, New York, Euclid Publishing Co., 1948; Peccato e luce, pref. di C. Foligno, New York, The Venetian Press, 1949; M’ascolti tu, mia terra?, Foggia, Tip. Cappetta, Quaderni de “Il Gargano”, 5, s.d. (ma 1955); Lo speco celeste, Siracusa-Milano, Ciranna, 1956; Odi sacre, pref. di A. Galletti, Siracusa-Milano, Ciranna, 1957; Il ritorno. Liriche italiane, pref. di P. Magno, Fasano, Schena, 1992; Quaderno del ’41. Poesie liceali (1937-1942), a cura di A. Motta, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2005.

POESIA INGLESE Rind and All. Fifty Poems, New York, The Monastine Press, 1962; The Fifth Season, New York, Obolensky, 1964; Gente Mia and Other Poems, Stone Park, Ill., Italian Cultural Center, 1978 [ed. ital. Gente mia e altre poesie, pref. di E. Bonea, trad. di M. Pastore Passaro, San Marco in Lamis, Gruppo Cittadella Est, 1982];Ethnicity. Selected Poems, edited with two essays by P. A. Giordano, West Lafayette, IN, Bordighera Press, 2000; Collected Poems (1983-2004), a cura di E. Bandiera, Galatina, Congedo, 2004.

POESIA LATINA  Melos Cordis, New York, The Venetian Press, 1955; Rosa Rosarum, s.l. [ma Oxford, Ohio], American Classical League, s.d. [ma 1984]; In exilio rerum, a cura di D. Sacré, Avignone, Aubanel, 1985; Confinia lucis et umbrae, a cura di D. Sacré, Lovanio, Peeters, 1989;Carmina latina, a cura di E. Bandiera, Fasano, Schena, 1994;Carmina Latina II, a cura di E. Bandiera, Galatina, Congedo, 1998; Radìcitus (Ritorno alle radici), a cura di E. Bandiera, S. Eustachio di Mercato S. Severino (SA), Il Grappolo, 2000.

POESIA DIALETTALE  Làcreme e sciure, pref. di T. Nardella, Foggia, Cappetta, s.d. (ma 1955); Il primo canto dell’Inferno in vernacolo garganico, con una nota introd.,“Rivista di Studi Dauni”, IV, 1-4, gennaio-dicembre 1977;Tìreca tàreca. Poesie in vernacolo garganico, a c. di A. Motta, T. Nardella e C. Siani, ill. di F. Troiano, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1978; Annemale parlante, vers. ital. di T. Nardella, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1994; La poceide. Poemetto in dieci canti in dialetto garganico, nota di A. Motta, trad. di A. Siani, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1996; Na vota è ‘mpise Cola. Favola in dieci canti in dialetto garganico, nota di A. Motta, trad. di A. Siani, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1997; Li quatte staggione e poesie ritrovate, trad. di A. Siani, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1998; Lu deddù. Poemetto in ottava rima in dialetto garganico, a c. di A. Siani, nota di A. Motta, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1999; Maste Peppe cantarine. Favola in sette canti in dialetto garganico, a c. di A. Siani, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2000; Làcreme e sciure, a c. di A. Motta, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2000; Lu ponte de sòla. Melodramma in dieci canti in dialetto garganico, a c. di A. Siani, nota di A. Motta, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2001; L’ore de Gesù Bambine. Favola natalizia in dialetto garganico, a c. di A. Motta, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2001; La prima cumpagnia, a c. di A. Siani,San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2002; Lu frustere, testi di J. Tusiani, musiche di P. Coco, arrangiamenti di C. Corradini, nota di A. Siani, CD-ROM, Milano, Prod. Art. C. Corradini, 2002; La tomba de Padre Pi’, a c. di A. Siani, nota di A. Motta, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2003; Lu cunte de Pasqua. Atto unico in tre scene in dialetto garganico, a c. di A. Motta, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2003; La padula. Poesie in dialetto garganico, a c. di A. Motta, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2004; Lu scazzamuredde, nota e traduzione di A. Motta, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud –Centro Studi Diomede, 2005.

PROSA NARRATIVA Dante in licenza. Romanzo, Verona, Nigrizia, 1952; Envoy from Heaven. A Novel, New York, Obolensky, 1965 [ed. ital. Dal cielo ‘inviato speciale’, trad. di A. Valente, Roma, Presenza, 1966]; La parola difficile. Autobiografia di un italo-americano, Fasano, Schena, 1988; La parola nuova. Autobiografia di un italo-americano, pres. di A. Di Summa, Fasano, Schena, 1991; La parola antica. Autobiografia di un italo-americano, pres. di A. Di Summa, Fasano, Schena, 1992.

SAGGISTICA E CRITICA  Wordsworth e Pascoli, “La Parola del Popolo”, 19, luglio-settembre 1955; L’Italia nella poesia di Frances Winwar, “La Parola del Popolo”, 20, ottobre-dicembre 1955; “Saul” nel canto di Alfieri e di Browning, “La Parola del Popolo”, 22, aprile-giugno 1956; David Gray e Sergio Corazzini, “La Parola del Popolo”, 23, luglio-agosto 1956; Urne, elegia e carme, “La Parola del Popolo”, 25, novembre-dicembre 1956; L’Italia nella poesia di Emily Dickinson, “La Parola del Popolo”, 26, gennaio-febbraio 1957; Umanità di Giosuè Carducci, “La Parola del Popolo”,27, marzo-aprile 1957; Il Risorgimento nel canto di Swinburne,“La Parola del Popolo”, 28, maggio-giugno 1957; Il Rinascimento in un dramma del Longfellow, “La Parola del Popolo”, 1, gennaio-febbraio 1958; 2, marzo-aprile 1958; 3, giugno-luglio 1958; The Translating of Poetry, “Thought”,XXXVIII, 150, Autumn 1963; The meaning of Dante, “Spirit”,XXXII, 2, maggio 1965; Dante’s Inferno. As Told for Young People, New York, Obolensky, 1965; The Essential Dante, in Eight Essays in Classical Humanities, a cura di G.S.Schwartz, New York, RF Publishing, 1975; Charlotte, Queen of Cyprus, as a Partial Model for Tasso’s Armida, “Forum Italicum”, IX, 1, marzo 1975; Christopher Columbus and Joel Barlow, “Italian Americana”, II, 1, Autumn 1976; Tasso, Torquato, inDictionary of Italian Literature, a cura di P. Bondanella e J. Conaway Bondanella, Westport, Conn., Greenwood Press, 1979; The Themes of Deracination and Americanization in “Gente Mia and Other Poems”, “Ethnic Groups”, vol. 4, 1982;The Making of an Italian American Poet, in Italian Americans in the Professions, a cura di R. U. Pane, Staten Island, NY, The American Italian Historical Association, 1983;Providential Humiliations, in Preserving and Promoting Italian Language and Culture in North America, a cura di G. Macchiarella et al., Welland/Ontario – Lewiston/NY, Soleil, 1997; Barbarians or Poets?, “Bridge Apulia-Usa”,2, 1997; Apulia, land of flies?, “Bridge Apulia-Usa”,3, 1998; The Old Man from Còryco, “Bridge Apulia-Usa”, 4, 1998; Dante’s Divine Comedy. As Told for Young People, New York, Legas, 2001; Osservazioni sulle ‘Rime’ di Michelangelo, “Il Giannone”,I, 1, luglio-dicembre 2003; Osservazioni sul ‘Torquato Tasso’ di Gaetano Donizetti, “Frontiere”, IV, 8, dicembre 2003; Un reportage di Carlo Levi dall’America, in AA.VV., Carlo Levi e la letteratura di viaggio nel ‘900. Tra memoria, saggio e narrativa, a cura di S. D’Amaro e S. Ritrovato, Atti della Giornata internazionale di studi, San Marco in Lamis, 1 giugno 2002, Foggia, Grenzi, 2003.

TRADUZIONI ITALIANO-INGLESE  The Complete Poems of Michelangelo, trad. e note di J.T., New York, Noonday Press, 1960; Lust and Liberty. The Poems of Machiavelli, trad. e note di J. T., New York, Obolensky, 1963; Italian Poets of the Renaissance, New York, Baroque Press, 1971; The Age of  Dante. An Anthology of Early Italian Poetry, New York, Baroque Press, 1974;From Marino to Marinetti. An Anthology of Forty Italian Poets, New York, Baroque Press, 1974; Torquato Tasso,Creation of the World, trad. e intr. di J.T., note di G. Cipolla, Binghamton, NY, Center for Medieval & Renaissance Studies, 1982; Ugo Foscolo: Le Grazie, “Canadian Journal of Italian Studies”, 6, 24-25, 1983; Juno to Apollo (G. Vico), “Rivista di Studi Italiani”, I, 2, dicembre 1983; Manzoni (Inni Sacri /Il Cinque Maggio), “Annali d’Italianistica”, 3, 1985; D’Annunzio (Laudi),“Annali d’Italianistica”, 5, 1987; T. Tasso’s‘The Amorous Fire’, “Forum Italicum”, 21, 2, Fall 1987; Dante’s Lyric Poems, intr. e note di G.C. Di Scipio, New York, Legas, 1992; Luigi Pulci / Morgante, intr. e note di E.A. Lèbano, Bloomington and Indianapolis, Indiana University Press, 1988; Leopardi’s  Canti, intr. e note di P. Magno, pref. di F. Foschi, Fasano, Schena, 1998;Dante’s Lyric Poems (ed. riv. e accr.), intr. e note di G.C. Di Scipio, New York, Legas, 1999; ‘L’Autunno’di Lalla Romano in inglese (a c. di A. Ria, trad. di J.Tusiani),“L’immaginazione”, 199, giugno-luglio 2003; Lalla Romano /L’Autunno – Autumn, trad. e nota di J.T., a c. di A. Motta, postf. di C. Bo, con un’acquaforte di R. Stelluti, San Marco in Lamis, Centro Documentazione L. Sciascia -Archivio del Novecento, 2003.

TRADUZIONI INGLESE-ITALIANO  Antologia della poesia americana,“La Parola del Popolo”: R.W. Emerson, H.W. Longfellow (16, ottobre-dicembre 1954); E.A. Poe, O.W. Holmes (7, aprile 1955); W. Whitman (9, ottobre 1955); T. B. Aldrich, S. Lanier, E. Markham (13, settembre 1956); E.A. Robinson (E. Davison) (novembre-dicembre 1957); Influenza cristiana nella poesia negro-americana, Bologna, Ed. Nigrizia, 1971; Giuseppe A. Borgese, Poesie inglesi, trad. intr. e note di J. Tusiani, a cura di A. Motta, Manduria-Bari-Roma, Lacaita, 1994; Ritorno a Emily Dickinson,“Il Giannone”, III, 5, gennaio-giugno 2005.

ANTOLOGIE In quattro lingue. Antologia di Joseph Tusiani, a cura di C. Siani, Roma, Cofine, 2001; Joseph Tusiani italiano in America. Versi, narrazioni e immagini tra due mondi. Studi per l’ottantesimo compleanno, a cura di A. Di Domenico, Foggia, Consorzio per l’Università di Capitanata, 2004.

Opere su Joseph Tusiani

Su Joseph Tusiani esistono alcuni lavori d’insieme, molto utili per un primo approccio alla sua opera e ad un suo inquadramento critico.

Occorre anzitutto tener presente gli scritti dedicati all’autore da parte di Cosma Siani, oggi considerato il maggiore conoscitore dell’opera di Tusiani. Siani ha rifuso il suo lungo esercizio critico in una guida complessiva che è il più completo profilo critico-bibliografico sullo scrittore. Il titolo del libro èLe lingue dell’altrove. Storia testi e bibliografia di Joseph Tusiani, Roma, Cofine, 2004. Questo si può integrare piacevolmente col tascabile di un diario di viaggio dello stesso Siani, Manhattan Log, Foggia, Protagonisti-ZeroZeroSud, 2000. Altro libro d’insieme è quello di Lucia Petracco Sovran, Joseph Tusiani, poeta e traduttore, intr. di P. Tuscano,  Perugia, Sigla Tre, 1984.

Contributi critici significativi sono contenuti, poi, in miscellanee di studi, prodotti in occasione di alcuni anniversari. Vanno qui ricordati: Gaetano Cipolla (a cura di), Omaggio a Joseph Tusiani, ospitato sulla rivista “La Parola del Popolo”, XXIX/71, 150, novembre-dicembre 1979; Paolo A. Giordano (a cura di), Joseph Tusiani Poet Translator Humanist. An International Homage, West Lafayette, In, Bordighera, 1994 [per i settant’anni dell’autore]; C. Siani (a cura di), “Two Languages, Two Lands”. L’opera letteraria di Joseph Tusiani[Atti della giornata di studi – San Marco in Lamis, 15 maggio 1999], San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2000; A. Di Domenico (a cura di), Joseph Tusiani in America. Versi, narrazioni e immagini tra due mondi (Studi per l’ottantesimo compleanno), Foggia, Consorzio per l’Università di Capitanata, 2004. Altri contributi critici sono contenuti in raccolte di saggi di singoli autori o ospitati in rivista. Vanno citati almeno: E. Bandiera, La poesia latina di Joseph Tusiani, “Il Cittadino”, XIV, 11, 1 settembre 1992; Id., Per una lettura de “La Morte di Lucano” di Joseph Tusiani, Galatina (Le), Congedo, 2004; F. Borrelli, Il mito di Ulisse all’ombra dei grattacieli (Tre anni di letteratura italoamericana: 1983-85),“Otto-Novecento”, 1986; G. Cecchetti, J. Tusiani: ‘La parola difficile’, “Forum Italicum”, 24, 1, Spring 1990; G. Cipriani, In lode di Joseph Tusiani [laudatio per laurea honoris causa a J.T.], “Kryptaliae”, Annuario del Liceo Scientifico e Classico “G. Moscati” di Grottaglie, a.s. 2003-2004, n. 8; S. D’Amaro, Scrivere con due anime. Viaggio nella letteratura degli Italiani d’America,“Oggi e Domani”, XXIII, 9, settembre 1994; Id., Ormai cinquant’anni. Da Via Palude a Fifth Avenue, in AA.VV.,Annuario del Liceo Classico ‘Giannone’, San Marco in Lamis, 1999; Id., Joseph Tusiani, pellegrino sul Gargano,“Incroci”, 6, luglio-dicembre 2002; L. Fontanella, Poeti italiani espatriati negli Stati Uniti: il caso di Joseph Tusiani, in J.J.Marchand (a cura di), La letteratura dell’emigrazione. Gli scrittori di lingua italiana nel mondo, Torino, Ed. Fondazione G. Agnelli, 1991, pp. 459-466; Id., Da Tusiani a Tusiani: appunti sulla poesia in italiano e in inglese,“Otto-Novecento”, 3-4, 1995; Id., Il plurilinguismo di Joseph Tusiani, in Id., La parola transfuga. Scrittori italiani in America, Firenze, Cadmo, 2003, pp. 81-100; F. Gardaphé, In Search of Italian/American Writers,“Italian America”, marzo 1997; Paolo A. Giordano, Images of America and Columbus in Italian/American Literature, “Annali d’Italianistica”, 10, 1992; M. Marazzi, Le fondamenta sommerse della narrativa italoamericana, “Belfagor”,LV, 327, 31 maggio 2000; Id., Misteri di Little Italy. Storie e testi della letteratura italoamericana, Milano, Angeli, 2001; A. Motta, Joseph Tusiani poeta dei due mondi. Dati per un ritratto, Castelluccio dei Sauri (Fg), Centro Studi Diomede, 2002; Id.,Giuseppe Prezzolini: due lettere a Joseph Tusiani, “Nuova Antologia”, 138, 2227, luglio-settembre 2003; Id., La Padula. Il mondo poetico di Joseph Tusiani, intr. di C. Siani, test. di F. Colombo, R. Nigro, M. Rose, C. Serricchio, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2004; C. Panaro (a cura di), Homage to Joseph Tusiani, Università degli Studi di Lecce –Dipartimento di Lingue e Letterature straniere, 2001; M. Pastore Passaro, Joseph Tusiani’s ‘Cain: The Better Giver’,“Gradiva”, 6, 4, 1998; L. Petracco Sovran, Profili di docenti italo-americani: Joseph Tusiani, “La Parola del Popolo”, novembre-dicembre 1974; I.C. Rossi, Josephi Tusiani poematia anecdota, “Latinitas”, marzo 2004; L. Viscido, Un poeta latino contemporaneo: Joseph Tusiani,“Humanistica Lovaniensa – Journal of Neo-latin Studies”,vol. XXXIII, 1984.

Altri riferimenti critici e storico-letterari si ritrovano in : R. U. Pane (a cura di), Italian Americans in the Professions, Staten Island, NY, The American Italian Historical Association, 1983; D. Candeloro – F.L. Gardaphé – P.A. Giordano (a cura di), Italian Ethnics: Their Languages, Literature and Lives. Proceedings of the 20th Annual Conference, Chicago, Nov. 11-13, 1987, Staten Island, NY, The American Italian Historical Association, 1990; J. J. Marchand (a cura di), La letteratura dell’emigrazione. Gli scrittori di lingua italiana nel mondo, Torino, Ed. Fondazione G. Agnelli, 1991;  A. J. Tamburri – P.A. Giordano – F. L. Gardaphé (a cura di), From the Margin. Writings in Italian Americana, West Lafayette, IN, Purdue University Press, 1991; P. A. Giordano – A. J. Tamburri (a cura di), Beyond the Margin. Writings in Italian Americana, Rutherford-Madison-Teaneck, Fairleigh Dickinson University Press, 1998; S. Martelli (a cura di), Il sogno italo-americano. Realtà e immaginario dell’emigrazione negli Stati Uniti, Napoli, Cuen, 1998; H.W. Haller, La festa delle lingue. La letteratura dialettale in Italia, Roma, Carocci, 2002.

Un profilo aggiornato e attendibile dell’autore si trova in S. La Gumina et al. (a cura di), The Italian American Experience. An Encyclopedia, New York & London, Garland, 2000. Una guida alle poesie dialettali è quella approntata da A. Di Domenico, Prima linfa. Guida ai poemetti dialettali di Joseph Tusiani, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2004.

Esistono numerose tesi di laurea sullo scrittore: M. R. Bene, ‘Rind and All’ nella poesia di Joseph Tusiani, Università degli Studi di Lecce, a.a. 2001-2002; G. G. Conte, Le recenti raccolte di versi inglesi di Joseph Tusiani, Università degli Studi di Lecce, a.a. 1998-1999; M. C. Fanciullo, Il romanzo‘Envoy from Heaven’ di Joseph Tusiani, Università degli Studi di Lecce, a.a. 1996-1997; R. Gabellone, Il dramma in versi ‘If Gold Should Rust’ di Joseph Tusiani, Università degli Studi di Lecce, a.a. 1997-1998; A. Giaculli,Voci antiche e voci nuove nella trilogia della parola di Joseph Tusiani, Università degli Studi di Bari, a.a. 1997-1998; A. Potito, Il linguaggio della traduzione: materia plastica e duttile per modellare il pensiero. Joseph Tusiani traduttore di Dante e d'altro”, Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Pescara-Chieti, a.a. 2004-2005.

Il giornalista della sede Rai di Bari Enzo Del Vecchio ha realizzato un documentario televisivo: Joseph Tusiani: vita, forza creativa e arte di un poeta scrittore umanista, Rai Radiotelevisione Italiana, 1999.

Altri e interessanti dati biografici possono ricavarsi dalle interviste rilasciate dall’autore: S. D’Amaro, Joseph Tusiani ritrova le sue radici, in C. Cipolla, Omaggio a Joseph Tusiani, cit.; C. Siani, Morgante va in Usa, tutt’intero. A colloquio con J. Tusiani, “La Gazzetta del Mezzogiorno”,16 marzo 1987; A. Di Summa, Joseph Tusiani l’uomo nuovo del Bronx, “Puglia Emigrazione”, 1, luglio-settembre 1991; F. Pankiewicz, Tusiani, l’anima divisa in due, “La Gazzetta del Mezzogiorno”, 28 giugno 1997; A. Motta,L’infanzia, la giovinezza, l’America, il dialetto, il presente, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1999.

Per quanto attiene agli aggiornamenti bibliografici occorre rimandare a quelli curati da Cosma Siani sul bollettino semestrale del Centro di documentazione sulla storia e la letteratura dell’Emigrazione di San Marco in Lamis, “Frontiere” (cfr. i fascicoli 2, dicembre 2000; 3, giugno 2001; 4, dicembre 2001; 6, dicembre 2002;  8, dicembre 2003; 10, dicembre 2004).

Joseph Tusiani

professor emeritus di letteratura italiana, Lehman College, City University of New York.

Nato a San Marco in Lamis, FG, nel 1924. Residente a Manhattan, New York.

Personalità di spicco nel mondo della letteratura italoamericana, Joseph Tusiani nacque a San Marco in Lamis, nel Gargano, nel 1924. Visse l’infanzia in condizioni di povertà, sostenuto dal lavoro di sarta della madre. Il padre era emigrato per il Nordamerica prima della sua nascita e non era più tornato. Compiuti i primi studi sul luogo, Tusiani li proseguì in seminari comboniani del Nord, per poi lasciare la vocazione religiosa e tornare ai luoghi d’origine, dove concluse il liceo, intraprese gli studi universitari, e si laureò in lettere a Napoli nel 1947. Nello stesso anno emigrava con la madre verso gli Stati Uniti. A New York incontrò finalmente il padre, e pronunciò per la prima volta quella che lui ha chiamato “la parola difficile”, “papà”.

A New York intraprese la carriera universitaria. Insegnò prevalentemente in due instituzioni, il College of Mount Saint Vincent, e il Lehman College, della City University of New York, ambedue nel Bronx, raggiungendo ben presto il massimo grado della carriera, quello di full professor. Allo stesso tempo continuava la grande aspirazione della sua vita, già iniziata nel piccolo paese garganico di nascita: la scrittura creativa di poesia. Spronato dalla scrittrice Frances Winwar, si dedicava allo studio intenso della lingua inglese e della letteratura angloamericana. Una sua lunga poesia, The Return, vinceva un prestigioso riconoscimento, il premio Greenwood, a Londra, nel 1956. In seguito darà alle stampe raccolte di poesia inglese.

Nel 1960 vengono pubblicate tutte le poesie di Michelangelo da lui tradotte in versi inglesi. È l’inizio di un’attività di traduzione poetica che è il suo maggiore titolo di credito, e lo ha reso noto in tutti i dipartimenti di italianistica del Nordamerica. L’elenco delle opere poetiche tradotte integralmente da Tusiani è stupefacente: include, oltre le Rimedi Michelangelo, una antologia in tre volumi che presenta 113 poeti e 581 composizioni da San Francesco al futurismo; e poi tutte le liriche di Dante, ilNinfale fiesolano del Boccaccio, il Morgante del Pulci, tutti i versi di Machiavelli, la Liberatae il Mondo creato del Tasso, le cinque odi all'America liberadell'Alfieri, i Canti del Leopardi, Le Grazie del Foscolo. E inoltre, fra numerosi altri brani apparsi in rivista: i poemetti Le stanze per le lagrime di Maria Vergine e di Giesù Cristo nostro Signore del Tasso, gli Inni sacri del Manzoni, il “primo poemetto” Italy e il “poema italico” Paulo Ucello del Pascoli.

Parallelamente, Tusiani coltivava la poesia in latino. La sua copiosa produzione latina è raccolta in tre volumi, l’ultimo dei quali, In nobis caelum, è stato pubblicato nel 2007 dall’università di Lovanio. Riconosciuto fra i maggiori poeti neolatini viventi, prese parte a un convegno internazionale di poesia latina organizzato a Roma presso l’“Academia belgica” nel 2001. Presso la stessa sede, il 5 giugno 2009 avrà luogo un seminario di studi dedicato alla sua poesia latina.

L’italiano, la lingua delle sue prime prove giovanili, poi passata in secondo piano rispetto all’inglese, è tornato poderosamente con una autobiografia in tre volumi (La parola difficile, La parola nuova, La parola antica) pubblicati dall’editore Schena di Fasano di Puglia tra il 1988 e il 1992. La trilogia autobiografica rientra nel filone etnico della produzione di Tusiani, vertente sulla storia e i fatti dell’emigrazione. È un filone che comprende anche due raccolte poetiche in inglese.

Infine, sempre tentato da tutte le lingue di cui dispone, Tusiani ha scritto nel suo dialetto garganico sedici raccolte di poesia (una diciassettesima è in preparazione) riunite nel grosso volume Storie dal Gargano, 2006, che vengono a coincidere con la vigorosa ripresa della poesia dialettale in Italia negli ultimi decenni.

Fra i numerosi riconoscimenti ottenuti, Tusiani si è visto assegnare l’ambita “Medaglia di merito” del Congresso americano (1984) e il premio“Italiani nel mondo. IV edizione” del Ministero per gli Italiani nel Mondo, a Roma nel 2004. Nell’ottobre 2008 è stata una delle personalità onorate dalla Columbus Citizens Foundation durante le celebrazioni per Cristoforo Colombo.

Modulo di adesione

AL Sig. PRESIDENTE

DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

 

Il /la sottoscritto/a, avendo preso visione dello statuto associativo, domanda di essere ammesso quale vostro associato nella qualità di:

SOCIO ORDINARIO € 10,00

SOCIO SOSTENITORE € 30,00

SOCIO BENEMERITO contributo superiore

SOCIO VOLONTARIO

 

Allega ricevuta del pagamento della quota di iscrizione annuale :

 

 

 

Nome……………………………………………

 

 

 

Cognome………………………………………

 

 

 

Nato a ………………………………………………………………………………..

 

 

 

Il………………………

 

 

 

Residente in ……………………………………………………………………….

 

 

 

Cap……………………….

 

 

 

Città……………………………………………………………………………………..

 

 

 

Telefono……………………………………………

 

 

 

Fax………………………………………………….

 

 

 

Cellulare…………………………………………



 

 

e-mail ……………………………………………………

 

Allega : fotocopia del suo documento d’identità

 

Data ……                                Firma ……………………………

 

 

Esprime il consenso al trattamento dei dati qualificati come personali dal D. Lgs.  196/2003 e successive modificazioni ed integrazioni finalizzato all’adesione all’associazione.

 

Data …………………………Firma ……………………………………..

 

 

Associazione “Gli amici di Joseph Tusiani”

Tel. + 39 0882 832524; e.mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - C.F. 93046260712

Cost. 02.03.2007 con atto notar Sergio Marcone Rep. N. 1640 Racc. n. 914

Piazza C. Marx, 1 - 71014 SAN MARCO IN LAMIS - ITALY

Il logo

Il logo del Centro Studi J. Tusiani

Il logo del Centro Studi intitolato al poeta e scrittore J.Tusiani, è un  marchio di natura letteraria.

Il logo è stato ideato per raffigurare il Centro Studi intitolato al poeta-scrittore “J. Tusiani”.

Il logo è una rappresentazione fotografica  molto semplice, ma  significativa per identificare il  prodotto culturale. Esso è un cerchio (un pezzo di emisfero o“globo”, come dice il poeta) con dentro una  serie di immagini,  unite da un virtuale collage,  che tiene insieme due aree geografiche del nostro mappamondo, ben note a noi ed al poeta: da una parte una Nazione (l’Italia) e dall’altra, invece, un Continente (Stati Uniti d’America) con al centro l’elemento acqua (che simboleggia l’Oceano ed il mare (mediterraneo) con dentro scorci di coste, faraglioni e grattacieli.

Significativo è l’elemento dell’Arcobaleno, che con la sua curva unisce i due fari che si vedono ben luccicanti, e che stanno a simboleggiare, da una parte il Gargano (terra d’origine del poeta)  e dall’altra la città di NEW YORK (luogo dove si è trasferito e vive attualmente il poeta Tusiani). L’oceano (tempestoso) ed il mare Adriatico (calmo), simboleggiano anch’essi una sorta di distanza, una frontiera dei due Stati divisi dall’acqua. All’orizzonte si intravede il mare Adriatico che bacia il cielo d’America. In alto, ben visibili, a far da cornice, vi sono, invece, posate due bandiere: quella americana e quella italiana. I loro colori  sono sgargianti e fanno da corona ai due mondi.

Entrambe le bandiere tengono strette, quasi a voler assicurare che la patria di Tusiani è una sola, anche se tutti sappiamo delle due anime del poeta.
I due mondi, divisi ed abbracciati, (l’Italia e l’America), le due patrie, quindi e forse, dentro una sola bandiera, alquanto mossa dal vento che stormisce le fronde dei nostri alberi perché il poeta quelle voci ai nostri silenzi possa comparare per affidare, poi, alle giovani generazioni un messaggio per il futuro:  la poesia è pace che unisce sentimenti, sensazioni, emozioni, che spiega la vita, insomma ...

Nella parte bassa del cerchio c’è la scritta CENTRO STUDI JOSEPH TUSIANI, collocata fra le due croste terrestri dei due Stati geografici. Il carattere della scrittura è del tipo americano. Ossia, grassetto di color bianco. Quest’ultima scelta fa sì che il colore bianco sia l’unico elemento neutro presente nel logo, a  testimoniare che, di fatto, tutto il logo poggia sopra questa scritta. Il logo di identificazione del CENTRO STUDI “J. Tusiani” poggia tutto sul  suo  nome. Per questo, proprio su questa persona, sul poeta, sul letterato, sullo scrittore, sull’italo-americano “J. Tusiani”, la Comunità Montana del Gargano, ha inteso promuovere il Centro Studi a lui intitolato, perché le sue opere poetiche e letterarie , la sua storia, la sua persona venga  fatta conoscere  di più e meglio nella stessa sua America, qui in Puglia, nel resto del mondo.  Il Centro Studi, quindi, porterà  impresso il suo nome, questo logo, ideato e creato apposta per lui: uomo saggio, umile, un figlio di terra Garganica.

Atto costitutivo

Lorem ipsum dolor sit amet, nunc euismod nisl nam euismod, quis maecenas blandit  ac, neque sed ut pulvinar, lectus sagittis sapien mauris per risus vel. Ligula  sapien sed morbi cras tellus commodo. Rutrum mattis accumsan, hac sed praesent,  neque tortor neque, commodo mauris sagittis turpis, faucibus sed ultrices tempor  interdum. Lobortis assumenda nisl, posuere cras sit risus egestas bibendum nec,  magna in, sed mattis pharetra felis nulla vitae aptent, in semper et.

Repertorio n.1640             racc. n.914

ATTO COSTITUTIVO DELL’ASSOCIAZIONE “GLI AMICI DI JOSEPH TUSIANI”

Il giorno due marzo dell’anno duemilasette (2 marzo 2007)) in San Marco in Lamis, Via Dante Alighieri n. 31, innanzi a me Dottor Sergio Marcone, Notaio iscritto nel ruolo dei Distretti Riuniti di Foggia e Lucera, residente in Mattinata con studio in Corso Matino, 239, sono personalmente comparsi i signori: Nardella Matteo [omissis], D’Amaro Sergio [omissis], Cera Raffaele [omissis], Coco Matteo [omissis], Petruccelli Nicola [omissis], Vigilante Michele [omissis], Coco Michele [omissis], Di Domenico Antonio Amedeo [omissis], D’Amaro Debora [omissis].

Detti comparenti, cittadini italiani, della cui identità personale io notaio sono certo, con il presente atto convengono e stipulano quanto segue:

Art. 1 – Tra i signori Nardella Matteo, D’Amaro Sergio, Cera Raffaele, Coco Matteo,  Petruccelli Nicola, Vigilante Michele, Coco Michele, Di Domenico Antonio Amedeo  e D’Amaro Debora è costituita una Associazione denominata “Gli amici di Joseph Tusiani”.
Art. 2 – L’Associazione ha sede in San Marco in Lamis (FG), presso il Centro Emigrazione della Biblioteca Comunale, Piazza Marx 1. La sede sociale può essere trasferita in qualsiasi indirizzo dello stesso Comune con semplice decisione del consiglio direttivo. Il domicilio dei soci, per i rapporti con l’Associazione, è quello risultante dal libro soci.Art. 3 - L'Associazione è senza scopo di lucro ed ha per oggetto l’esercizio di attività di un centro culturale e ricreativo intitolato al poeta-scrittore Joseph Tusiani.
Art. 4
– La durata dell’Associazione è fissata in dieci anni e può essere prorogata con le formalità previste dall’Assemblea dei soci.
Art. 5
– Il patrimonio sociale è determinato in Euro 450,00 (quattrocentocinquanta virgola zero zero) ed è diviso in quote eguali. I comparenti dichiarano di sottoscrivere e di aver versato interamente il capitale sociale in contanti.
Art. 6
– L’Associazione è regolata dalle norme del presente atto costitutivo e dallo Statuto sociale che previa lettura da me datane ai comparenti, debitamente firmato, si allega al presente atto sotto la lettera “A”.
Art. 7
– Viene indicato il sig. D’Amaro Sergio nella qualità di presidente e legale rappresentante dell’Associazione. Viene stabilito che per il primo anno l’Associazione sarà amministrata da un consiglio direttivo. Il consiglio direttivo sarà nominato dalla prima assemblea. Al consiglio direttivo sono riconosciuti tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, fatti salvi i compiti espressamente stabiliti alla competenza dei soci da parte del secondo comma dell’art. 2479 del Codice Civile.
Art. 8 –
L’importo globale approssimativo delle spese per la costituzione posto a carico dell’Associazione ammonta ad Euro 315,00 (trecentoquindici virgola zero zero) comprese le spese del presente atto e dipendenti che si convengono a carico dell’Associazione stessa.
Art. 9
– Gli esercizi sociali si chiudono il 31 dicembre di ogni anno. Il primo esercizio sociale si chiuderà il 31 dicembre 2007.
Art. 10
– Il Presidente dell’Associazione provvederà a tutte le pratiche necessarie per la legale esistenza dell’Associazione.

Di questo atto, scritto in parte con sistema meccanico da persona di mia fiducia ed in parte completato a mano da me notaio, su fogli due per facciate cinque, ho dato lettura alle parti che lo approvano e lo sottoscrivono alle ore tredici e quaranta.

Firmato Matteo Nardella, Sergio D’Amaro, Raffaele Cera, Matteo Coco, Nicola Petruccelli, Michele Vigilante, Michele Coco, Antonio A. Di Domenico, Debora D’Amaro, Sergio Marcone impronta di sigillo.

La presente copia, composta di quattro fogli per sette pagine, è conforme all’originale munito delle prescritte firme e si rilascia per uso consentito.

Mattinata, li 12 marzo 2007.

Firmato  Dott. Notaio Sergio Marcone

Additional information